Givenchy Miroir Collection (fine anni 90′)

Non so come mai in questi giorni mi è tornata in mente questa linea make up di Givenchy, risalente alla fine degli anni 90′, ma visto che sono riuscita a trovare qualche immagine ve ne parlerò un po’, poiché che mi piaceva molto e il suo abbandono mi aveva gettata nello sconforto.

Photobucket

Era la fine degli anni 90′, fortunatamente si stava cominciando ad uscire da quell’era di minimalismo, per tornare a qualcosa di un po’ più glamour e Givenchy rivoluzionò tutta la sua linea di make up, facendola disegnare allo scultore Argentino Pablo Reinoso, sostituendo alle vecchie confezioni nere con il logo stilizzato (che sono tornate da qualche anno) questo packaging allungato, quasi fantascentifico, rigorosamente argentato.

Photobucket

Ricordo che adoravo queste confezioni tutte munite di pratico specchietto incorporato, che ha riproposto in questi ultimi anni Guerlain, ma quelle di Givenchy avevano il pregio di essere leggerissime, poiché tutte di plastica, mentre quelle di Guerlain per avere un tocco più lussuoso usano l’acciaio risultando piuttosto pesanti.

Photobucket

Erano gli anni in cui Givenchy aveva come direttore creativo Alexander McQueen e mi sembra di ricordare (ma non ho trovato conferme on line), che questa nuova linea era stata fortemente voluta da lui.

Photobucket

Nel marzo del 2001 McQueen lasciò in modo burrascoso la maison Givenchy e la linea trucco vivacchiò senza particolari guizzi fino al 2003 quando apparve Liv Tyler (fresca del successo del Signore degli Anelli), come nuova testimonial della linea che tornava integralmente al suo vecchio packaging.
Photobucket
Photobucket

Qualcuna di voi si ricorda ancora di questa linea?

Annunci

La Mer The Eye Balm Intense (samples)

Poiché mi sono accorta che ho un sacco di campioncini di contorno occhi, ho deciso di finirli prima di comprarne uno nuovo.
Il bello di questi campioncini è che da soli coprono da una settimana a dieci giorni ognuno, permettendo di fare un test davvero significativo sul prodotto.

Il primo che recensisco è The Eye Balm Intense de La Mer, prodotto di fascia alta, infatti mi sembra che il vasetto in negozio costi più di 160 euro.
Avendo due campioni di questo prodotto l’ho potuto sperimentare per quasi tre settimane, principalmente come crema giorno, ma alcune volte l’ho messo anche la sera.
Sicuramente lo preferisco come crema da giorno, per me è troppo ricca per la notte e mi svegliavo con le palpebre gonfie.

Come prodotto oserei dire che è ottimo: il contorno occhi risulta più compatto, le rughette si attenuano, le occhiaie scompaiono e la pelle delle palpebre e morbida e vellutata.
La crema si presenta di colore verdino, con una consistenza che sembra quasi mousse, infatti non unge e si assorbe subito.

Direi che come range di prodotto, oltre che per il costo, lo consiglierei alle ragazze che come me si trovano ad avvicinarsi agli anta 😉

Photobucket

TAG: TANTO NON LO COMPRERO’ MAI!

L’ho trovato su http://parlandodimakeup.wordpress.com/ e mi è piaciuto un sacco 🙂

– Il sapone di Aleppo?

Me l’ha portato una mia amica dalle vacanze qualche anno fa, molto buono ma il profumo è troppo intenso per me!

– Il Cleanse&Polish Liz Earle?

no

– L’Elicina?

no

– Lo struccante bifasico “Fior di Magnolia”?

no

– Gli ombretti Neve make up?

No -.- mi ispirano, ma l’acquisto on line mi frena un po’, preferirei vederli dal vivo!

– Una BBCream?

Quella di CLinique, l’unica che non unge!

– Il Primer Potion Urban Decay?

Sempre e comunque

– Almeno una delle due Naked Palette di Urban Decay?

La 2! Non sono una fans dei nudi, però non ho potuto resistere!

– le 24/7 di Urban Decay?

No, ho già tante matite e vorrei finirle prima.

– una palette di Urban Decay che non sia la Naked?

Sì, la Midnight Emergency Kit

– La Too Faced Shadow Insurance?

no

– L’olio indiano Forsan?

no

– Un prodotto Elf?

no

– L’henné o una qualsiasi erbetta lavante?

no, sono diffidente da quando una conoscente si è ritrovata con i capelli verdi 🙂

– Gli Shampoo della linea gabbiano dell’Esselunga?

no

– La linea skincare ViviVerde di Coop?

no

– Un qualsiasi prodotto Fitocose?

no

– Una collezione o qualche pezzo di una collezione Essence?

no

– I prodotti Essence?

no

– qualche prodotto Catrice?

no

– I long lasting stick eyeshadow di Kiko?

Ne ho uno blu, molto bello!

– Il rossetto Russian Red di MAC?

no

– il rossetto Creme d’Nude di MAC?

no (sinceramente non mi trovo molto con i loro rossetti)

– il Fluidline Blacktrack di MAC?

no

– Il 217 di MAC o un altro pennello, magari famoso?

no

– un paint pot di MAC?

no

– Le Palette Zoeva (o cinesissime) da 120 colori, 88 colori e compagnia bella?

no

– Un prodotto I Provenzali?

no

– Uno smalto color fango?

sì… non lo metto mai, le mani sembrano sporche!

– Un prodotto Mac qualunque? (se sì,specifica quale)

Ne ho quattro o cinque, ma non mi entusiasmano molto, anche se voglio provare la loro cera in stick per sopracciglia

– Gel d’Aloe?

sì!

– Un prodotto Lavera?

no

– Uno smalto OPI?

uno solo? Almeno 10 🙂

– I Lip Tar OCC?

no

– Le ciglia finte?

non le ho mai provate, temo facciano troppo effetto drama queen 😉

– La cipria HD di Make up forever?

sìììììììììììì!!!!! Bellissima!

– Le Palette Sleek?

no

– Le Palette Inglot?

no

– Qualche prodotto Madina?

no -.-

– Pennelli Sigma?

no

– Pennelli Zoeva?

no

– Blush Coralista di Benefit?

No, troppo acceso per me.

– Blush Orgasm di NARS?

No, mi piacerebbe!

– Lemon Aid di Benefit?

L’ho preso un paio di anni fa, ma non mi è piaciuto, troppo pastoso.

– Smalti Eyeko?

no

– Qualche prodotto LUSH?

In questo momento no, ma fino ad un paio di mesi fa ne stavo usando 4 o 5 🙂

– La beauty Blender?

no

– gli Illusion d’Ombre di Chanel?

Belli! Ne ho due: argento scuro e bronzo.

– gli smalti Chanel?

sì, decisamente troppi 🙂

– un primer viso per i pori?

si, di Sisley

– gli Aqua Cream di MUFE?

sì, quelli della palette Black Tango

– un fondotinta minerale?

in passato quello di Clinique

– una palette di colori naturali (davvero, no shimmer!)?

Impossibile! Non riuscirei mai ad accontentarmi!

– la Duochrome di Neve Cosmetics?

no

– l’Erase paste di Benefit?

Provata, ma non mi è piaciuta

– uno smalto Shaka?

no

– I pennelli Real techniques

no

– qualcosa di TheBalm?

no

– la Primed and Poreless Too Faced?

usata in passato, ma non mi piace granché

– il mascara They’re real! di Benefit?

no

– il mascara Pupa Vamp!

no

-il mascara I love extreme di Essence?

no

– i rossetti “Kate” di Rimmel?

no

– una beauty box qualsiasi?

Glossybox

– una Z palette o almeno una palette per compattare e depottare?

no

– Un ombretto cremoso Astra?

no… però sono curiosa

– Almeno uno smalto con effetto particolare? (es: crackle, magnetic, holo etc)

Sì, a parte il magnetic mi piacciono molto!

Se qualcuno a voglia di farlo o l’ha fatto mi lasci il link che mi piace curiosare 🙂

Givenchy Le Prisme Enchante Natale 2012

Io amo le ciprie e i fard di Givenchy, quindi ho approfittato della collezione di Natale per procurarmene una nuova.

Photobucket

Quest’anno la confezione è rivestita di similpelle, cosa che mi ha lasciato dubbiosa, visto che è il prodotto star di Natale, l’avrei vista meglio per la collezione autunno, che era molto aggressiva e rock. Inoltre è scomoda da aprire, poiché non si riesce a sollevare il coperchio finché non si è estratto il cassettino inferiore che contiene il pennello.

Photobucket

Come cipria è troppo rosata per tutto il viso, ma molto bella e delicata come blush e visto che è leggermente madreperlata nelle tonalità più chiare può essere utilizzata come illuminante.

Photobucket

Smalto Diorific Diorling 207 Grand Bal Dior Natale 2012

Mi sono innamorata degli smalti Diorific della collezione Grand Bal di Dior, ma visto che ne ho due scatole piene, ne ho scelto solo uno. Il numero 207 Diorling

Photobucket

La boccetta di vetro tondeggiate, con chiusura dorata, molto elegante, è contenuta in una scatola di cartoncino sottile senza rinforzi al contrario delle confezioni standard.

Photobucket

In compenso il pennellino è molto più bello di quello degli smalti standard, perché un po’ più stretto e permette di essere maggiormente precise. Temevo che l’impugnatura insolita mi desse qualche problema, invece è molto maneggevole.

Photobucket

Una volta steso (nella foto due passate), risulta un bellissimo colore, discreto ed elegante, ma illuminato da pagliuzze dorate

Photobucket

Giorgio Armani Cosmetics Maestro Fusion Make Up SPF15

Qualche settimana fa ho provato in profumeria il nuovo fondotinta di Giorgio Armani: Maestro Fusion Make Up SPF15

Photobucket

Come l’ho steso sul dorso della mano mi sono innmorata: sembrava una pozione magica! Però sono tornata a casa a mani vuote e ho cominciato a girare sul web cercando informazioni.

Photobucket

Così ho scoperto che (orrore!!!), questo fondotinta era tutto, tutto a base di olii. La cosa mi ha lasciato esterrefatta: io ho la pelle grassa e per anni ho acquistato solo fondotinta con la scritta oil-free, e improvvisamente, esce questo prodotto che è solo a base di olio, ma va bene per tutti i tipi di pelle.

Photobucket

Mi sono rimessa a girare sul web, soprattutto all’estero, e scopro che le americane ne vanno matte, postano foto prima e dopo e dopo 10 minuti ancora, per dimostrare che questo fondotinta migliora la pelle via via che passa il tempo.

Photobucket

Effettivamente è tutto vero, dopo quasi tre settimane che lo uso non ho avuto nessuna controindicazione: non c’è stata proliferazione di brufoli o punti neri, la pelle una volta struccata con risulta arrossata o ruvida, inoltre basta pochissimo prodotto (cinque gocce!), messo direttamente sul viso con il contagocce e poi steso rapidamente con le mani, perché si assorbe in modo rapidissimo, quindi bisogna essere veloci e nel giro di 10/15 minuti l’incarnato diventa perfetto: segni rossi, piccole macchie, stanchezza, grigiore, tutto sparisce sotto l’illusione di una pelle perfetta che non sembra quasi truccata.

Photobucket

Decisamente uno dei migliori fondotinta acquistati negli ultimi anni: io ho preso la colorazione più chiara disponibile in Italia, la 4,5 (tenete conto che sono chiarissima, per esempio i fondotinta di Chanel che da noi partono dal colore 20 per me sono troppo scuri!), perché le colorazioni di numero inferiore non sono disponibili sul nostro mercato, ma mi sono trovata bene lo stesso, visto che i pigmenti hanno un grado di adattabilità estremamente elevato.

Photobucket

Dior Grand Bal Natale 2012

Al volo la collezione di Dior per questo Natale: Grand Bal, fotografata ieri in profumeria!

Photobucket

Di primo acchito avrei portato via tutto, come al solito, poi riflettendoci prenderei gli smalti nero e oro e una delle due palette da cinque colori.
Bellissimo il cofanetto con le polveri oro e argento, i gloss e la matita, stile carnet, ma decisamente dedicato a chi si trova a vivere un periodo natalizio estremamente mondano!